Come combattere l’inappetenza

Disturbo alimentare che può colpire a tutte le età, l’inappetenza, o disappetenza, consiste in una diminuzione dell’appetito che può essere transitoria o abituale.

Può capitare che si manifestino occasionali episodi di inappetenza in corrispondenza dei cambi di stagione, e ciò in genere non dovrebbe destare particolare preoccupazione. Ma se la mancanza di appetito si protrae fino a diventare cronica e generare una vera e propria repulsione verso il cibo potrebbe causare problematiche potenzialmente pericolose per lo stato di salute dell’intero organismo.

La perdita dell’appetito è un campanello d’allarme che spesso indica disturbi più profondi, legati a basi patologiche e psicosomatiche. Vediamo quali possono essere le cause, i rischi ed i rimedi dell’inappetenza.

Cause dell’inappetenza

L’inappetenza può essere determinata da cause di natura psicosomatica o patologica, tra cui:

  • periodi di forte stress psico-fisico;
  • stanchezza mentale;
  • disturbi d’ansia;
  • depressione, tristezza e sconforto;
  • problemi metabolici;
  • malattie infettive;
  • disturbi del tratto gastrointestinale;
  • stati febbrili.

Nel primo trimestre di gestazione può verificarsi una diminuzione dell’appetito per via delle frequenti nausee che caratterizzano i primi mesi di gravidanza.

Tra i fattori che possono generare un minore desiderio di alimentarsi ci sono anche neoplasie, patologie del fegato, HIV ed insufficienza renale.

Rischi dell’inappetenza

La mancanza di appetito impedisce di alimentarsi in modo adeguato. Da una scarsa assunzione di cibo ed un ridotto apporto alimentare possono derivare:

  • carenze nutrizionali;
  • disidratazione;
  • importante perdita di peso.

Se il rifiuto del cibo diventa cronico, l’inappetenza rischia di sfociare nell’anoressia, un gravissimo disturbo alimentare che può portare al decesso.

Rimedi naturali per combattere l’inappetenza

Per combattere l’inappetenza ci si può affidare a rimedi naturali ed omeopatici. Vediamo quali sono le piante medicinali più efficaci per stimolare l’appetito in modo naturale.

Genziana

Disponibile in capsule o come infuso da assumere circa mezzora prima dei pasti, la Genziana è ricca di sostanze che stimolano l’appetito in modo naturale.

Angelica

Dalla radice di Angelica, disponibile anche in compresse e capsule, si ricavano infusi e decotti che aiutano a contrastare l’inappetenza. Occorre semplicemente aggiungere un cucchiaio di prodotto ad una tazza d’acqua bollente, lasciare in infusione per qualche minuto e sorseggiare lentamente.

Pappa reale

Adatta in particolar modo ai bambini ed agli anziani, la Pappa Reale, grazie alle sue proprietà energizzanti ed all’elevato contenuto di acido pantotenico, aiuta a contrastare l’inappetenza e la stanchezza dovute a malattie debilitanti.


Calamo Aromatico

Pianta erbacea di origine asiatica, il Calamo Aromatico è efficace nel contrastare la disappetenza causata da terapie farmacologiche e chemioterapiche. Dalla pianta è possibile ricavare infusi e tisane.

China

Nota per le sue proprietà benefiche e normalizzanti sulle attività digestive, la China stimola la secrezione salivare ed epatogastrica, stimolando l’appetito e preparando l’apparato digerente a ricevere gli alimenti.

Fieno Greco

L’azione azione ricostituente del Fieno Greco aiuta ad incrementare l’appetito in modo naturale e recuperare le energie ed i chili persi durante lunghi periodi di convalescenza, malattia e malessere psicofisico.

Finocchio

Sgranocchiare del finocchio crudo prima dei pasti stimola l’appetito ed agevola la digestione.

Aloe

Il succo di Aloe Vera è utile nel trattamento delle disfunzioni alimentari e dei disturbi derivanti da un’assunzione irregolare di cibo, come la disappetenza e l’anoressia.

Melissa

Sorseggiare una tisana a base di Melissa, dalle note proprietà rilassanti, ansiolitiche ed antidepressive, può essere utile in caso di scarsa voglia di alimentarsi derivante da ansia, sconforto e depressione.

Rabarbaro

Dalle proprietà stimolanti e digestive, il rabarbaro aiuta a stimolare l’organismo a nutrirsi di più in caso di perdita dell’appetito.

Menta piperita

Sorseggiare una tisana a base di Menta Piperita prima dei pasti aiuta ad incrementare l’appetito.

Verbena

La Verbena è storicamente utilizzata per stimolare l’appetito nei bimbi in età da svezzamento, ed è efficace per contrastare la mancanza di appetito negli adulti.

Rimedi omeopatici contro l’inappetenza

Si consiglia di rivolgersi ad un omeopata o un naturopata esperto e competente, con cui analizzare gli episodi di inappetenza ed inserirli in un quadro generale. Per il trattamento sintomatico può essere utile assumere:

  • Avena sativa, Gentiana lutea e Medicago sativa, 5 granuli, 3 volte al dì;
  • China, 5 granuli, 3 volte al dì;
  • Lycopodium clayatum 5 granuli 3 volte al dì.

Per un trattamento di fondo, invece, può essere utile assumere 5 granuli di Natrum Muriaticum una volta al giorno, diradando in base al miglioramento.

Se l’appetito non torna, rivolgetevi urgentemente ad un medico per risalire alle cause che provocano l’inappetenza ed individuare eventuali patologie in corso.

Evoluzione Collettiva Copyright © 2015-2018. Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Potrebbe Interessarti

Loading...

Potrebbe Interessarti

#inappetenza #salute #appetito #cibo #evoluzionecollettiva
25 Condivisioni

One Response

  1. Manuela Alboreto 29 maggio 2018

Leave a Reply