Metodo Kaizen: come combattere la pigrizia in 1 minuto con questo metodo giapponese.

Quante volte hai preso la decisione di cambiare o di iniziare “semplicemente” un nuovo stile di vita? Ti ricordi i buoni propositi che ti sei dato nell’ultimo Capodanno? Cosa riguardavano e che obiettivi avevi per questo nuovo anno? Probabilmente era qualcosa simile a questo: “D’ora in poi inizierò a mangiare cibi sani, lavorerò all’aria aperta almeno 3 volte a settimana, prenderò lezioni di yoga, inizierò a meditare e leggerò un libro a settimana!”

Ok, va bene, ogni singola persona sarebbe stata entusiasta di qualcosa di simile, e chi non si è dato simili obiettivi almeno una volta nella vita?! E’ estremamente importante e molto comune darsi degli obiettivi, ed è altrettanto normale che falliamo nei nostri intenti e non riusciamo a raggiungerli come e quando ce li eravamo prefissati. Ma se questo accade di frequente, potrebbe essere piuttosto frustrante, soprattutto se sei una persona che tende a procrastinare.

“Lo farò più tardi, è meglio se lo faccio il mese prossimo, mi assicurerò che venga fatto entro 3 mesi.”

pigrizia-kaizen

Ammettiamolo, non riuscirai mai a finire quello che non hai ancora iniziato…

Perché succede tutto questo? Perché a volte raggiungere i tuoi obiettivi è difficile o addirittura noioso, e non hai ancora sviluppato l’abitudine di fare una determinata cosa. Ora, non hai più bisogno di cercare altrove ulteriori informazioni, la risposta è qui!

Un geniale metodo giapponese chiamato Kaizen è basato sul miglioramento continuo. Il metodo Kaizen è famoso per il cosiddetto principio di 1 minuto e funziona in questo modo:

La chiave di questo metodo implica che un individuo dovrebbe occuparsi di cose concrete per 1 minuto preciso, ogni giorno allo stesso orario!

Prova a immaginare quel tempo: 1 minuto! Sembra troppo breve e troppo facile per chiunque di noi. Non sarai più schiavo della pigrizia, perché ti ritroverai a fare ciò che stai evitando di fare in un periodo di 30 minuti, perché ti ritroverai a farlo 1 solo minuto al giorno, ogni giorno.

Segui i nostri consigli su Salute e Benessere. Metti un Like 🙂

Alla fine riuscirai a svolgere queste attività con estrema leggerezza e semplicità. Sia che si tratti di fare meditazione, yoga, leggere, scrivere – se il tempo è limitato a 1 minuto, avrai tutte le cose fatte con tanta gioia e piacere. A piccoli passi, avrai sicuramente raggiunto i tuoi obiettivi e otterrai eccellenti risultati.

pigrizia-metodo-kaizen

Che cos è  il metodo Kaizen?

Kaizen è una pratica di miglioramento continuo che è stata fondata in Giappone. Una delle sue caratteristiche più importanti è che grandi risultati provengono da molti piccoli cambiamenti accumulati nel tempo. Anche se il significato di questa pratica è spesso frainteso dagli occidentali, il metodo Kaizen mostra grandi risultati in termini di miglioramento di vita personale e professionale.

Il motivo per cui Kaizen non è così popolare in Occidente, sta nella falsa convinzione che non si possono raggiungere obiettivi senza fatica. Tuttavia, i workshop, i programmi di formazione e l’allenamento costante sono pratiche dure e impegnative, richiedono tempo e costanza.

Richiedono molti sforzi mentali ed energie che spesso potrebbero rompere lo spirito di ogni persona, portando alla fine a non ottenere risultati positivi. In questo senso, Kaizen è inteso per tutti e può essere eseguito in qualsiasi contesto, per qualsiasi tipo di obiettivo si voglia raggiungere.

I vantaggi del metodo Kaizen comprendono:

  • Superare insicurezze e instabilità
  • Liberarsi dal senso di colpa e impotenza
  • Sviluppo di successo e libertà

Quando iniziare a praticare Kaizen?

Ora, ovviamente! Tutto ciò che ti serve è un minuto, ricordi?! Nell’ispirazione della pratica Kaizen di 1 minuto, potrai iniziare lentamente ad aumentare la lunghezza del tuo esercizio a 5 minuti e così via. Alla fine, raggiungerai il tuo esercizio di 30 minuti senza nemmeno accorgerti che stai facendo uno sforzo per raggiungere il tuo obiettivo.

Evoluzione Collettiva Copyright © 2015. Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.
Loading...

Leave a Reply