Gonfiore addominale: come eseguire l’automassaggio cinese contro la costipazione

Il gonfiore addominale è un problema comune a molti individui, uomini e donne che siano. E’ una battaglia combattuta da molti e non solo per una questione estetica ma quanto appunto per ritrovare il benessere. Per eliminare il gonfiore addominale non patologico potete ricorrere a diversi rimedi naturali oppure all’automassaggio cinese contro la costipazione. Le cause che possono scatenarlo sono diverse, così come i sintomi attraverso il quale il disturbo si manifesta.

Dovete come prima cosa assicurarvi che l’addome gonfio non sia sintomo di una patologia. Se così fosse l’unico modo per risolverlo è curare il problema a monte. Se invece le cause sono collegate a un’alimentazione o uno stile di vita scorretto, ci sono tanti ottimi rimedi naturali ai quali potete attingere, gli stessi che comunque vi aiutano a gestire il sintomo.

Cause del gonfiore addominale, quali sono i motivi della comparsa

1. Inghiottire più aria del solito

Inghiottire un po’ di aria è normale. Alcune volte però accade con una frequenza superiore alla media ed ecco che l’addome si gonfia Questo accade quando masticate gomme, bevete o mangiate troppo velocemente, fate largo uso delle bevande gassate e fumate. Tutta l’aria che entra in più nel vostro corpo si ferma per un po’ nell’intestino per poi essere espulsa dall’ano.

2. Alimentazione scorretta

Un consumo ampio di alimenti rinomati per portare a questo genere di problema. Ecco perché, più che di cosa mangiare col gonfiore addominale dobbiamo parlare di cosa non mangiare. Per liberarsi del problema non dovete togliervi tutti questi alimenti ma capire quali tra questi vi portano al sintomo in questione, così da ridurli.

  • Tra le verdure colpevoli troviamo tutta la famiglia dei cavoli, gli asparagi, i carciofi, i fagioli neri e i borlotti, la cipolla, i cannellini e i funghi.
  • Anche la frutta può causare gonfiore, in particolar modo le mele, le pere e le pesche.
  • Potrebbero provocarvi questo genere di disturbo anche gli alimenti preparati con il grano e la crusca.
  • Non sono poche le persone che manifestano una serie di problemi dopo il consumo di latticini, attenzione soprattutto a formaggio e yogurt.
  • Anche diverse bevande potrebbero essere “i vostri” colpevoli. Come il succo di mela e di pera, le bevande gassate, le bevande che contengono sciroppo di mais e latte.

3. Carboidrati non digeriti

Non tutti i componenti dei carboidrati vengono digeriti dallo stomaco e dall’intestino tenue. Questi perciò entrano nell’intestino crasso e i batteri presenti li scompongono provocando una grande quantità di gas.

4. Malattie e disturbi

Non dimenticatevi che esistono una serie di disturbi che portano alla formazione eccessiva di gas. Tra questi troviamo la sindrome del colon irritabilemalattia caratterizzata anche da dolori addominali e un alternarsi di stipsi e diarrea. La gastrite, condizione cronica caratterizzata dal ritorno nell’esofago di ciò che è presente nello stomaco. Potreste poi scoprire di essere intolleranti al lattosio, al fruttosio oppure al glutine.

Loading...

Sintomi, come riconoscerlo con sicurezza?

Il gonfiore addominale è un sintomo ma può essere accompagnato anche da altri campanelli d’allarme come dolori e fastidi all’addome, oppure rutti e flatulenza. Dovete comunque capire quanto frequenti sono questi sintomi, è normale per esempio eruttare ogni tanto dopo i pasti, così come è considerato normale l’emissione d’aria dall’ano fino alle 21 volte circa al giorno.

Salvo in caso di patologie o altri problemi di salute a monte, alcune buone abitudini possono aiutare a risolvere il problema. Per eliminare il gonfiore addominale dovete mangiare più lentamente così da ingerire meno aria. Evitate le gomme da masticare, smettete di fumare e prendete in considerazione di cambiare dieta. Provate a mangiare più sano magari evitando di mangiare cibi fritti e molto grassi e riducete un po’ l’apporto di fibre.

Automassaggio cinese per la costipazione

I motivi per fare un automassaggio all’addome per ridurre il problema dell’addome gonfio sono tanti. Molte persone infatti grazie a questa tecnica che non porta via più di qualche minuto al giorno sono riusciti a ridurre il problema della produzione eccessiva di gas intestinale con le conseguenti sintomatologie di eruttazioni e flatulenze. Rilassa i muscoli, rende più semplice l’evacuazione e per molte persone significa anche non dover prendere lassativi quando il gonfiore è legato alla stitichezza. E’ pericò un buon supporto di una dieta sana e gestita tenendo in considerazione del problema.

Grazie a questo massaggio potete ottenere dei notevoli miglioramenti a livello di digestione, aiutando tra le altre cose il corpo a smaltire i rifiuti disintossicandosi. Viene stimolato lo stomaco e potete ottenere diversi effetti benefici anche in caso di reflusso acido.

Come praticarlo

  • Sdraiatevi comodi sulla schiena, l’ideale è farlo su una superficie solida perciò potreste prendere un bel tappeto comodo. In alternativa comunque potete procedere sul letto.
  • Sfregate le mani tra di loro finché non le sentite belle calde.
  • Adesso posizionate le mani sulla pancia e iniziate a fare dei piccoli cerchi. Ogni movimento per fare un cerchio dovrebbe durare un paio di secondi.
  • Mantenete la concentrazione sul calore che si sviluppa sullo stomaco grazie allo strofinare delle vostre mani.
  • Per due minuti circa proseguite, dovreste riuscire a fare circa 50 cerchi. Chiaramente lo scopo non è quello di rispettare il numero in modo preciso ma di trovare sollievo, perciò prendete i numeri come semplici indicazioni.

Guarda il video qui sotto per vedere come fare:

Attenzione: non eseguire la tecnica di massaggio medicina cinese subito dopo un pasto pesante, o in caso di gravidanza, se soffri di infiammazioni agli organi genitali femminili, se sei affetto da calcoli ai reni, della vescica o alla colecisti, hai la pressione alta, un’ernia intestinale, se soffri di ulcera o hai lievi emorragie interne.

Evoluzione Collettiva Copyright © 2015-2018. Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Potrebbe Interessarti

Loading...

Potrebbe Interessarti

41 Condivisioni

Leave a Reply