10 sintomi di disidratazione e rimedi naturali

Moltissimi di voi sicuramente sapranno che il corpo umano è composto principalmente da acqua e che abbiamo bisogno di consumarne una certa quantità per sopravvivere. L’acqua fa parte del nostro corpo. I muscoli e reni ne sono composti dal 73% , il sangue all’83%, i polmoni al 90% e il cervello al 76%. Non solo, perdiamo continuamente acqua: quando respiriamo, attraverso le urine e il sudore, per questo è di fondamentale importanza introdurre periodicamente dell’acqua e fare attenzione ai sintomi di disidratazione, alcuni dei quali portano a diversi equivoci.

A molti di noi è stato detto di bere 6-8 bicchieri di acqua al giorno, ma se si chiede alle persone quanta acqua bevono, molti di loro vi diranno che bevono circa 2-3 bicchieri al giorno. In generale, i maschi hanno bisogno di consumare 3 litri (12 tazze) di acqua al giorno, mentre le donne circa 2,5 litri (9 tazze) al giorno per un’idratazione ottimale. Non riuscire a consumare la quantità d’acqua raccomandata può portare a lieve disidratazione che si manifesta in molteplici sintomi che vi mostriamo qui sotto.

10 sintomi di disidratazione: impara a riconoscerli

urine-scure

  1. La tua urina è di colore giallo scuro

    Questo è spesso il primo segno che indica una scarsa assunzione di acqua. Generalmente le urine dovrebbe essere di colore giallo ambra chiaro. Quando una persona non consuma abbastanza acqua i reni espellono una “maggiore concentrazione di prodotti di scarto nelle urine, comprese le cellule morte del sangue, le tossine, le proteine e altri prodotti che devono essere rimossi dal corpo”, provocando urine di colore scuro.

    Si può inoltre notare le urine di colore scuro dopo aver consumato alcuni farmaci, vitamine B, barbabietole,
    more, asparagi o coloranti alimentari. Se si nota un cambiamento temporaneo nel colore delle urine, in primo luogo pensa a se hai consumato qualcosa che potrebbe aver provocato questa reazione. Poi aumenta l’assunzione di acqua e osserva se il colore delle urine diventa più chiaro. Se il colore delle urine rimane scuro per un periodo prolungato di tempo, potrebbe essere il segno di un problema più grave, come l’epatite o i calcoli biliari.

  2. Bassa produzione di urina

    La maggior parte delle persone urina 6 o 7 volte entro un periodo di 24 ore. Quando non si beve abbastanza acqua, vi è meno fluido a disposizione per sostituire i fluidi espulsi dal corpo. I reni tentano di mantenere quanto più fluido possibile per prevenire la disidratazione. Se si urina meno di 6 volte al giorno, prendi in considerazione di aumentare la tua assunzione d’acqua.costipazione

  3. Costipazione

    La disidratazione è una delle cause più comuni di costipazione, e la costipazione spesso può essere risolta “semplicemente” aumentando l’assunzione di acqua. Se non si è pienamente idratati, il corpo cercherà di assorbire l’acqua ovunque sia possibile, compreso il colon. Una quantità sufficiente di acqua nell’intestino crasso è di fondamentale importanza per il passaggio di feci morbide. Naturalmente, la mancanza di acqua porterà a feci dure che sono davvero fastidiose e difficili da superare.

    Per prevenire o curare la costipazione, assicurati di consumare una quantità adeguata di acqua, oltre ad un aumento di fibre si trovano in frutta e verdura. La stitichezza può anche essere il risultato di inattività fisica, ipotiroidismo, infiammazione intestinale e disbiosi, intolleranze alimentari e stress. Se stai bevendo una quantità adeguata d’acqua, prendi in considerazione altre cause che possono creare stipsi.

  4. La pelle è secca e le rughe sono più definite

    La maggior parte delle donne utilizza creme idratanti molto costose per mantenere la pelle del loro corpo morbida e liscia. Alcune pagano prezzi elevati e ricorrono alla chirurgia estetica per ridurre o eliminare le rughe. Prima di spendere soldi, aumenta l’assunzione di acqua. Secondo il dottor Diana Howard, la disidratazione può causare irritazione, infiammazione, prurito e rendere la pelle sensibile.

    Nei casi più gravi, la pelle può screpolarsi o diventare gravemente rossa producendo crepe e sanguinamenti. Allo stesso tempo, quando la pelle perde umidità, le cellule si accartocciano, causando una definizione più evidente delle rughe e rendendo la pelle più vecchia. Il modo migliore per rivitalizzare la pelle è quello di nutrirla con acqua.

  5. Fame e aumento di peso

    Il corpo è così intrinsecamente intelligente, ma ha un problema tecnico – non conosce la differenza tra la fame e la sete. L’ipotalamo, la parte del cervello responsabile della regolazione della fame e della sete, spesso si confondono, causando morsi della fame in risposta alla sete. Fare uno spuntino al posto di bere un bicchiere d’acqua, porta ad un eccesso di apporto calorico e un conseguente aumento di peso.

    Loading...

    Se stai cercando di perdere o mantenere il tuo peso, assicurati di consumare una quantità adeguata d’acqua. Se senti fame, bevi un bicchiere d’acqua prima di scegliere di farti uno spuntino e attendi 10-15 minuti per vedere se hai superato il morbo della fame o se è ancora presente. Se senti di avere ancora appetito, allora è un vero segnale che ti dice di mangiare.

  6. Sete e secchezza delle fauci

    Che ci crediate o no, la sensazione di sete per l’acqua è un segno che si è già leggermente disidratati. La bocca asciutta spesso si verifica quando si ha sete di acqua e significa che le mucose del corpo hanno bisogno di idratazione. L’unico modo per risolvere la sete e una bocca secca è bere acqua durante il giorno.

  7. Mal di testa

    Quando non si beve abbastanza acqua, il corpo tenterà di preservare e riassorbire l’acqua da tutti i tessuti per compensare la mancanza di assunzione di liquidi. Successivamente, il tessuto cerebrale perde parte della sua umidità e si restringe, e i recettori del dolore nel cervello vengono attivati con conseguente mal di testa. Allo stesso tempo, quando non si beve abbastanza acqua, il volume del sangue diminuisce, riducendo la quantità di ossigeno trasportato al cervello. I vasi sanguigni nel cervello si dilatano in risposta che porta a gonfiore e infiammazione, intensificando il mal di testa.

  8. Fatica

    Secondo uno studio del 2011, una lieve disidratazione può causare affaticamento, stanchezza e basso consumo di energia. Quando sei disidratato e il volume del sangue diminuisce, il cuore deve lavorare di più per spingere ossigeno e sostanze nutritive attraverso il corpo. La prossima volta che inizi a sentirti stanco, salta il caffè (che provoca disidratazione!) e scegli di bere, invece, un bicchiere d’acqua. Caffè, tè, soda e bevande sportive non sono sostituti dell’acqua!

  9. Dolori articolari

    L’acqua agisce come un lubrificante per le articolazioni, permettendo alle ossa di scivolare le une verso le altre, attraverso i giunti. Quando il corpo non riceve abbastanza acqua, l’articolazione diventa carente di nutrienti provocando danni alle cellule della cartilagine. Se avete una disidratazione cronica, le cellule alla fine raggiungono un punto di svolta e la cartilagine si degenerare in modo irreparabile. Se soffri di dolori articolari, sii consapevole della quantità d’acqua che introduci e aumentala, se necessario.

  10. Sistema immunitario debole

    La disidratazione aumenta la concentrazione di tossine nel sangue, che possono indebolire il sistema immunitario. L’idratazione ottimale è essenziale per aiutare l’eliminazione di eventuali patologie e malattie, e aiuta il sistema immunitario a prevenire e debellare le infezioni.

Attenzione alla disidratazione grave

Tutti i sintomi visti fino a ora si riferiscono a una disidratazione lieve o moderata e possono essere di norma gestiti con i rimedi naturali. La disidratazione grave invece richiede l’immediato consulto medico perché probabilmente occorre intervenire per via intravenosa. Chiaramente dovete cercare di non arrivare assolutamente a questi livelli. I sintomi sono: urina molto scura, tremori, vertigini e difficoltà a stare in piedi, nessuno stimolo alla minzione, battito cardiaco accelerato, febbre, convulsioni, shock.

4 rimedi naturali per la disidratazione

  1. Bevete solo acqua: Se riconoscete i sintomi della disidratazione dovete bere solo acqua. I succhi di frutta contengono molto zucchero, il quale aggrava la disidratazione. Le bibite lo stesso perché contengono zuccheri e caffeina. No al latte, il tè, i brodi scuri etc. Iniziate sin da subito a integrare l’acqua nel corpo.
  2. Si ai ghiaccioli e le bevande per sportivi: Potete combattere la disidratazione con i ghiaccioli, il brodo chiaro ma anche le bevande per sportivi, questo perché contengono elettroliti. Tutto questo comunque non deve sostituire l’acqua. Bevete lentamente altrimenti potreste causare il vomito.
  3. Ghiaccio in bocca: Se non riuscite a buttar giù i liquidi, mettete dei piccoli pezzetti di ghiaccio in bocca. Si sciolgono lentamente e questo vi permette di non accusare la nausea e agiscono come rinfrescanti. Dopo che il corpo inizia a idratarsi potete bere un po’ d’acqua alla volta.
  4. Si a frutta e verdura: Ci sono degli alimenti che vi aiutano a mantenere il corpo idratato. La frutta e la verdura sono molto ricchi d’acqua e dovete sempre inserirli nella vostra dieta quotidiana. Tra i migliori trovate i broccoli, i cavolfiori, il sedano, le melanzane, i cetrioli, i peperoni, gli spinaci, i pomodori, le zucchine, le fragole, il pompelmo, l’anguria e le arance.

Tu non sei malato, hai solo sete!

Molte persone credono che tutti i liquidi forniscano idratazione, ma la verità è che non tutti i liquidi idratano il nostro corpo! Alcune bevande come il caffè, pop e succhi di frutta possono realmente disidratare il corpo a causa del loro contenuto di caffeina e zuccheri. Secondo il Dott Batmanghelidi, medico ed esperto di poteri di guarigione dell’acqua, molti disturbi classificati come “malattie” rispondono positivamente ad una maggiore assunzione di acqua. Sulla base della sua ricerca, il diabete, l’elevata pressione sanguigna, il colesterolo, l’obesità, le malattie cardiovascolari, l’asma e i dolori articolari, possono tutti essere curati semplicemente aumentando il consumo di acqua.

Se desideri migliorare la tua salute, ricorda che i piccoli cambiamenti fanno una grande differenza. Diventa consapevole della tua assunzione di acqua e garantisci al tuo corpo un’adeguata quantità. Se hai difficoltà a bere durante il giorno, adotta degli escamotage, tieni sempre con te una bottiglietta d’acqua e abituati a bere spesso piccole quantità d’acqua. Se necessario, metti un promemoria o una sveglia sul tuo smartphone che ti ricordi di bere acqua!

Evoluzione Collettiva Copyright © 2016. Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Potrebbe Interessarti

Loading...

Potrebbe Interessarti

4K Condivisioni

Leave a Reply