Strane coincidenze: riconoscere i segnali dell’Universo

Molte persone credono che le cose “accadono per  caso”, ma nel momento in cui ci colleghiamo in modo più intimo alle nostre intuizione ci accorgiamo che tutto quello che ci accade e le strane coincidenze che ci capitano l le abbiamo create noi e ne siamo direttamente responsabili.

Possiamo non essere pienamente consapevoli di ciò che stiamo creando in un momento o in un altro, ma per fortuna l’universo ci fornisce molti segni per farci capire quando siamo sulla strada giusta, e (soprattutto) quando siamo sulla strada sbagliata. Questo articolo si concentrerà sui segnali dell’universo e sul comprendere un po’ meglio quelle strane coincidenze alle quali di solito non riusciamo a dare una spiegazione.

Strane coincidenze? No, segnali dell’universo!

Interpretare i segnali dell’universo non è facile. Molte persone le reputano solo delle strane coincidenze, qualcosa che deve essere dimenticato in fretta perché non riveste nessun tipo di importanza. Eppure magari a più riprese chiede all’universo proprio quei segnali che adesso sta ignorando.

Di solito arrivano in momenti un po’ particolari della vita. Di mal contento o di rabbia, di delusione. Il segno ci offre quel suggerimento che stiamo aspettando, oppure ci dice che la strada intrapresa è sbagliata. Cerca di portarci su un percorso adatto a noi attraverso una serie di messaggi che se cogliamo, possono migliorare notevolmente la nostra vita.

Questi messaggi dall’universo, secondo alcuni scritti di Jung, sono possibili grazie alla legge di sincronicità. Secondo lo psicoanalista esiste la sinctonicità, cioè due eventi sono legati tra di loro ma senza che i due influiscono uno su l’altro da un punto di vista materiale. Tuttavia appartengono allo stesso contesto.

Andiamo a fare una passeggiata per schiarirci le idee. Ecco che in quell’esatto momento passa una coppia di amici che parlano di un argomento estremamente affine ai nostri pensieri. Tra le loro parole captiamo un messaggio importante, ci arriva addosso come un’onda.

Noi con quelle persone non abbiamo niente a che vedere, non influiscono sulla nostra vita e non rappresentano niente. Tuttavia una serie di strane coincidenze ci ha condotti nello stesso esatto punto dove erano loro e abbiamo avuto la possibilità di cogliere quella frase importante per noi.

Cosa sono questi segnali dell’universo?

La verità è che questi segni sono un’indicazione, cercano di farci capire che la nostra energia è diretta – o attualmente bloccata – verso una bassa frequenza vibrazionale. I pensieri, i sentimenti e le azioni si concentrano sulle situazioni negative, e questo crea situazioni indesiderate.

Al contrario, quando i pensieri, i sentimenti e le azioni si muovono ad un’alta frequenza vibratoria, la vita si allinea perfettamente. Abbiamo un’eccellente tempismo e “buona fortuna” per tutto il giorno.

Questo è il motivo per cui è così importante aumentare consapevolmente la vibrazione personale scegliendo pensieri positivi. Anche se abbiamo la capacità di risuonare ad un’alta frequenza vibrazionale, è difficile riuscire a mantenere questa frequenza elevata tutti i giorni per tutto il giorno.

Loading...

Questo perché le nostre anime sono bloccate qui sulla Terra in una dimensione fisica che è molto più densa e più lenta rispetto alle superiori, le dimensioni eteree. Il nostro pianeta e i nostri corpi sono composti da un’energia vibrazionale molto inferiore rispetto a quella delle nostre anime.

Di conseguenza, ci andiamo a scontrare di volta in volta contro circostanze indesiderate, ma va bene così… Fino a quando ascoltiamo questi segnali premonitori (senza consentire al nostro ego di fissarci su di loro!) riusciremo a tornare velocemente sulla strada giusta.

Come imparare dai segnali dell’universo, quali sono i più comuni?

Mentre affrontiamo la nostra giornata, sarebbe una buona idea prendere nota dei segnali di pericolo inviati dall’universo. Cerchiamo di riconoscerli e soprattutto chiediamoci il perché ci sono arrivati.  Ecco alcuni esempi di segnali premonitori di cui essere consapevoli:

Segnali di pericolo dall’universo

  1. Rimanere bloccati nel traffico
  2. Ricevere occhiatacce o commenti malevoli da parte di altri
  3. Rimanere coinvolti in un incidente
  4. Spese impreviste o fatture da pagare ricevute per posta
  5. Sensazioni di disagio
  6. Discussioni con i tuoi cari
  7. Malattie
  8. Mal di testa
  9. Perdere o rompere i tuoi beni personali
  10. Cattivi odori, suoni o gusti

Ognuno di questi segni è un’indicazione che l’universo ci invia per farci capire che la nostra priorità adesso è centrarci su noi stessi e regolare la frequenza della nostra vita. Quando si verifica uno di questi segni premonitori, fermiamoci quindi e smettiamo subito di fare quello che stiamo facendo! Non continuiamo a svolgere quel lavoro, o avere quella conversazione, o essere ossessionato da quel pensiero, perché questo non sta facendo altro che allontanarci da dove vogliamo essere, da dove vuole essere la nostra anima.

Facciamo perciò un bel respiro profondo, allontaniamoci da quella situazione e prendiamoci un minuto per meditare  o almeno per fare qualche bel respiro profondo e rilassarci. Se si colgono questi segnali di allarme in modo rapido e si risponde ad essi immediatamente, il semplice atto di centratura in noi stesso riuscirà a fermare la dinamica negativa.

Come nota finale, proviamo a non ossessionarci più su un segnale di pericolo. Parlarne, pensarci su e riprodurlo continuamente con la mente non farà altro che abbassare la nostra frequenza vibrazionale. Prendiamolo per quello che è, un semplice “stop”, e allontaniamoci d esso. Prendiamoci cura delle nostre vibrazioni, prestiamo attenzione ai pensieri, sentimenti e azioni che risuonano con la naturale frequenza della nostra anima.

Evoluzione Collettiva Copyright © 2015-2018. Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Potrebbe Interessarti

Loading...

Potrebbe Interessarti

20K Condivisioni

2 Comments

  1. Anna Albrecht 15 novembre 2015
  2. Boris Cavadini 15 marzo 2016

Leave a Reply