Come gli ormoni influiscono sulle emozioni e sulla sessualità.

di Ilaria Cusano

L’estate è iniziata e gli ormoni ci danno segnali che decisamente non si possono ignorare. 
Al di là dell’età, della condizione sociale e dell’idea che abbiamo di noi stessi e della vita, certi meccanismi fisici sono identici per tutti nonché eterni, svincolati dal tempo e dallo spazio, per così dire; ormoni, emozioni e sessualità fanno parte di tali meccanismi.

Ormoni, emozioni e sessualità sono dinamiche fisiologiche

È fondamentale ricordarcelo sempre, soprattutto tra noi donne che, al cospetto di emozioni e istinti sessuali intensi, tendiamo a farci dei filmoni pazzeschi.
Questo non significa che non c’è magia nelle emozioni e nella sessualità: in fondo le torri di controllo del sistema ormonale sono due ghiandole super magiche e pregne di spiritualità! Mi riferisco alla ghiandola pituitaria, il famoso terzo occhio della tradizione indiana, e alla ghiandola pineale, 7° chakra nello stesso sistema.
La magia c’è eccome, ma è inscritta nel corpo stesso e attraverso il corpo possiamo regolarne gli effetti e la direzione.

Esempio – lo faccio per le donne perché tendiamo ad avere molti più problemi, in queste sfere della vita: se io, in un certo periodo, mi rendo conto che la mia testa si va affollando di mille sogni, proiezioni e ossessioni dovute, banalmente, al fatto che sto avendo un’esperienza emotivamente e/o sessualmente forte, non ha nessun senso far continuare il lavorio mentale logorante; mi conviene andare alle terme e scaricare gli eccessi nell’acqua.

In questo modo:

  1. evito di incastrarmi in dei tunnel emotivi pazzeschi,
  2. riequilibrio il mio sistema ormonale nel modo più rapido, efficace e profondo possibile, cioè agendo sul corpo.

Cosa fare quando emozioni e istinti sessuali prendono il sopravvento?

Vediamolo nel concreto, così ci mettiamo al riparo da frustrazione, depressione e perdite di dignità varie:

  • Un effetto molto simile a quello delle terme, anche se meno intenso, ce l’ha il pediluvio nel sale: metti un po’ di acqua calda in una bacinella, ci butti dentro due manciate di sale grosso, mescoli un po’ perché si sciolga e poi ci immergi i piedi per qualche minuto, quanto ti va. È ottimo anche se tendi a dormire male; il sale è uno degli elementi alchemici fondamentali: purifica, rinvigorisce e trasforma in misura impressionante! 
Ormoni, emozioni e sessualità risulteranno estremamente pacificati da questa pratica.
  • Sprigiona la tua creatività. A livello energetico, il centro della sessualità, delle emozioni e quello della creatività sono esattamente lo stesso luogo, il 2°chakra – in fondo, fare dei figli è un atto creativo ed emotivo insieme, se ci pensi.

Quindi, i periodi in cui gli ormoni schizzano a mille, facendo fare i fuochi d’artificio a emozioni e desideri sessuali, sono periodi estremamente creativi. E tra l’altro, secondo me, spesso è un vero spreco convogliare tanta potenza solo verso un rapporto sessuale o uno sfogo emotivo: uno dei miei corsi serve proprio per insegnare alle donne a gestire i periodi di astinenza sessuale, e facendolo di continuo mi rendo conto che la maggior parte è dell’idea che ritrovarsi senza fare sesso, o senza poter vivere questa specie di simbiosi emotiva, sia una maledizione, una sfiga o qualcosa del genere.

  • Invece la mia esperienza, dopo avere io stessa lasciato andare questa credenza negativa e distruttiva, è stata che l’astinenza sessuale può rivelarsi una grandiosa opportunità: io, a livello lavorativo, economico e sociale, ho iniziato a realizzarmi pienamente proprio in un periodo di astinenza sessuale, e questo non è accaduto per caso, ma perché ho operato in maniera tale da convogliare la mia potenza creativa verso il lavoro, invece che verso il solito uomo.
 È una scelta, non dico che sia meglio di altre; solo, è una possibilità che molte persone non vedono, quindi può essere utile evidenziarla.
  • Ergiti al di sopra dei tuoi istinti e delle tue emozioni, e permetterai loro di incontrare la tua anima. Non sono una di quelle che crede che gli istinti e le emozioni siano negativi, che vadano superati o che siano delle debolezze – tutt’altro: per me, personalmente, sono tra le risorse più preziose che ho a disposizione. Ci prendo le decisioni più importanti della vita: io non uso la testa per orientarmi, e neppure propriamente la pancia, ma la vagina; praticamente, sono la versione femminile del prototipo maschile che le donne hanno sempre schifato: uno di quelli che pensa col pene invece che con la testa. 
A mio avviso, i genitali sono ben più saggi delle teste, onestamente.
  • A parte questo, però, che mi rendo conto che è soggettivo, istinti ed emozioni vanno contestualizzati: gli ormoni generano questo substrato, che in larga parte, comunque, ha a che fare coi pensieri che decidiamo di alimentare, ma poi il tutto secondo me deve rientrare nella grande supervisione dell’anima, che è l’unico grande vero capo.
  • È l’anima che ci indica cosa farci di nuovo e buono, con questa mole incredibile di potenza creativa che abbiamo a disposizione; è lei che ci salva dagli utilizzi distruttivi di questa energia; ed è questa la sublimazione dell’energia sessuale che insegno nel mio percorso Lo Scrigno dell’Estasi.
  • Ci tengo molto a sottolinearlo, perché nei secoli si è fatta tanta confusione e diseducazione rispetto a tale tema: la sublimazione dell’energia sessuale non consiste nel mettersi una cintura di castità, diventare degli eremiti o chiudersi a riccio nei confronti di tutto e tutti – questo è il blocco dell’energia sessuale! 
La sublimazione dell’energia sessuale è un processo interiore molto profondo che ha come scopo la gestione dell’energia sessuale, e ogni gestione implica, a monte, un’espressione, giusto? (Se non tiro fuori le emozioni non ho niente da gestire, così come se non ho un team non ho nessuno da gestire, è ovvio).

La mia benedizione per te, oggi, è che tu ti possa riconnettere con la natura, con la tua anima naturale ma anche con la natura che sei, che si manifesta e incarna attraverso di te, e che non ti vuole pressare, angosciare od opprimere; ti vuole solo portare su quel cammino in cui tu, che sei innanzitutto un’anima, prendi per mano i tuoi ormoni, le tue emozioni e le tue energie sessuali e insieme ci vai molto, molto lontano.

Ilaria Cusano
www.ilariacusano.it

Evoluzione Collettiva Copyright © 2016. Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.