Coca-Cola e Pepsi vengono usate in India come Pesticidi: “Sono economiche e danno un ottimo risultato”.

Alok Prasad Putul scrive: “Gli agricoltori in India stanno utilizzando Pepsi e Coca-Cola come alternativa più economica rispetto ai pesticidi”. Queste bevande, oltre ad essere un veleno per il corpo umano, vengono utilizzate in tutto il mondo anche per i più svariati utilizzi.

Il Centro per la Scienza e l’Ambiente (CSE), che è una delle principali agenzie di volontariato in India, sostiene che le bevande analcoliche prodotte in India, comprese quelle a marchio Pepsi e Coca-Cola, contengono livelli estremamente elevati di residui di pesticidi, e grazie a questo, gli agricoltori le utilizzano come antiparassitari in quanto sono più convenienti rispetto ai pesticidi convenzionali.

Nei paesi del terzo mondo è più conveniente comprare Coca-Cola ed è molto più facile reperirla rispetto che trovare acqua pulita. Questa bevanda è stata testata per i suoi utilizzi pratici, di pulizia e disincrostazione, ed è risultata davvero efficace nella pulizia di macchie di olio, stucco di piastrelle e rimozione di vernice. Se vuoi approfondire i suoi utilizzi come prodotto per la pulizia, puoi leggere l’articolo La Coca-Cola fa male alla salute. I 20 modi pratici per utilizzarla nel quotidiano.

Nel 2003, il CSE ha analizzato campioni provenienti da 12 principali produttori di bevande analcoliche e ha scoperto che tutti avevano residui di pesticidi e insetticidi, dei quali 4 estremamente tossici, il lindano, DDT, malathion e chlorpyrifos.

Sunita Narain, direttore del CSE, ha riferito quanto segue in una conferenza stampa: “In tutti i campioni analizzati, i livelli di residui di antiparassitari hanno superato di gran lunga il limite pesticida massimo ammissibile totale di 0,0005 mg per litro in acqua utilizzata come alimento, stabilito dalla Commissione Economica Europea (CEE)”.

Gli scienziati della CDS hanno riferito che per quanto riguarda i limiti della CEE, il livello di clorpirifos era di 42 volte superiore, i residui di malathion sono stati 87 volte superiori, e i livelli di lindane-, che è vietata negli Stati Uniti era di 21 volte superiore. Inoltre, hanno dichiarato che queste tossine sono in grado di provocare il cancro a lungo termine, difetti di nascita, danni al sistema nervoso e riproduttivo, e la grave perturbazione del sistema immunitario.

I reperti CSE hanno dimostrato che i campioni Coca-Cola e Pepsi avevano concentrazioni quasi simili di residui di pesticidi: vale a dire, i contaminanti nei campioni di Pepsi erano 37 volte superiori rispetto alle norme CEE, la Coca-Cola ha superato le norme di 45 volte.

Questi reperti sono stati presto annullati dai capi delle società indiane di Coca-Cola e Pepsi.

Sanjeev Gupta, presidente della Coca-Cola in India, ha dichiarato che queste rivelazioni da parte della CSE sono state “sleali” e la sua società è stata sottoposta ad un “processo mediatico”.

Le aziende non sono d’accordo sul fatto che i loro prodotti sono utilizzati al posto dei pesticidi, in quanto non contengono nulla che possa controllare i parassiti.

Tuttavia, gli agricoltori nei distretti Durg, Rajnandgaon e Dhamtari di Chhattisgarh sostengono che hanno usato Pepsi e Coca-Cola per combattere i parassiti nelle loro piantagioni di riso.

L’uso di queste bevande ha portato un aumento significativo delle vendite nei villaggi più remoti. Un litro dei tre pesticidi più popolari in India, Avant, Tracer e Nuvocron, costa circa 10.000 rupie (£ 120). D’altra parte, un litro e mezzo di produzione locale di Coca-Cola costa solo 30 rupie.

Segui i nostri consigli su Salute e Benessere. Metti un Like 🙂

Pertanto, se un contadino mescolasse una bottiglia di Pepsi o Coca-Cola con acqua, e lo spruzzasse sul raccolto, spenderebbe 55-60 rupie in meno ad acro. Tuttavia, gli effetti di questa tecnica non sono ancora provati!

Secondo lo specialista agricolo, Devendra Sharma, gli agricoltori sono in errore nel ritenere che queste bevande hanno lo stesso effetto dei pesticidi, in quanto queste bevande sono sciroppi di zucchero, che attirano formiche rosse quando vengono riversate sulle colture, che a loro volta si alimentano di larve degli insetti.

Gli agricoltori sostengono che la Pepsi, Coca-Cola e altre bevande analcoliche locali sono comunque efficaci.

Gli ingredienti principali che hanno in comune questo tipo di bevande sono acqua e zucchero, ma alcuni produttori aggiungono acido citrico e fosforico.

Il signor Sharma afferma che la prassi di utilizzare lo sciroppo di zucchero sui parassiti è vecchio: “Jaggery prodotto dalla canna da zucchero, è stato utilizzato comunemente per il controllo dei parassiti in molte occasioni. Pepsi e Coca-Cola vengono utilizzate per ottenere lo stesso risultato. Gli agricoltori hanno tradizionalmente usato soluzioni zuccherine per attirare le formiche rosse e nutrirsi di larve di insetti. Penso che le cole stanno eseguendo lo stesso ruolo”.

D’altra parte, questa faccenda viene definita in modo diverso dal suo compagno scienziato, Sanket Thakur: “Tutto ciò che sta accadendo è che le piante ottengono una fornitura diretta di carboidrati e zuccheri che a sua volta aumenta l’immunità delle piante e la piantagione finisce per cedere un raccolto migliore”.

La Coca-Cola in America è ricca di sciroppo di fruttosio che potrebbe servire come pesticida efficace dal momento che è un cocktail concentrato di zuccheri semplici fruttosio e glucosio.

Tuttavia, il direttore delle vendite della Pepsi, al momento in Chhattisgarh, Anupam Verma, sostiene che questo non è il motivo per cui le vendite nelle zone rurali sono aumentate del 20% .

Gli scienziati della CSE HB Mathur e Sapna Johnson hanno dichiarato che la loro deduzione di base era che i produttori di bevande analcoliche stavano disegnando le loro riserve d’acqua da acque sotterranee, fortemente contaminate da anni di uso indiscriminato di pesticidi diversi.

Uno studio condotto dal Consiglio del governo centrale Terra Acqua (CGWB) e del Consiglio Pollution Control Centrale (CPCB) ha trovato alti residui di pesticidi nelle acque sotterranee attorno a Delhi, oltre a tracce di piombo, cadmio e cromo, salinità eccessiva, nitrati e fluorite. Inoltre, i campioni di bevande analcoliche popolari che sono stati testati nei laboratori CSE hanno riscontrato una presenza di pesticidi, anche se oltre il 95% di essi sono fatti con i rifornimenti idrici comunali che contengono le stesse tossine e prodotti farmaceutici nella nostra acqua potabile, come ad esempio: estrone, fl uoride, sulfametossazolo, arsenico, atrazina, cloro, atenololo, carbamazepina trimetoprim, e gemma fi brozil.

In confronto a quello del settore dell’acqua in bottiglia, il CSE ha rilevato che le norme per la potente e massiccia industria delle bevande analcoliche sono molto più deboli, e non regolano correttamente la qualità della bevanda.

Alla fine, anche se siamo perfettamente consapevoli del fatto che la Coca-Cola utilizzata come pesticida non è completamente organica o naturale, è infinitamente più sicura rispetto ad altri pesticidi convenzionali!

Evoluzione Collettiva Copyright © 2017. Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.
Close