Dieta Mediterranea: cos’è, benefici e controindicazioni

La dieta Mediterranea è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2010. La dieta, infatti, nasce nel passato, nelle terre bagnate dal Mediterraneo, come l’Italia.

Da qui il nome di “Dieta Mediterranea”. Le caratteristiche principali di questa dieta sono il consumo di carboidrati e l’uso dei grassi saturi solo quando serve. La dieta, infatti, non predilige la carne tutti i giorni, come pensiamo oggi.

In passato, quando la dieta era usata da contadini e allevatori, la carne si utilizzava solo nei giorni di festa, perché costava troppo. Oggi, invece, si fa un po’ di confusione.

Vediamo, allora, quali sono le caratteristiche della vera dieta Mediterranea e quali le controindicazioni.

Cos’è la Dieta Mediterranea?

La dieta è un regime alimentare che non permette di saltare i pasti e che alterna a pasta e condimento (più o meno sempre presenti in uno dei tre pasti principali), un secondo leggero o la carne.

Per esempio, una pasta al sugo può essere seguita da carni bianche, ma la pasta condita con legumi no. In questo modo, si riesce a dare il giusto apporto. In più, si preferiscono le verdure ai grassi saturi, in modo da evitare il colesterolo cattivo.

La dieta funziona “a piramide”, dove in basso ci sono i cibi da mangiare più spesso e in alto quelli da mangiare meno.

Il 60% della piramide è composto da carboidrati, quindi pasta, riso, pane, cereali e derivati. Seguono i grassi e solo alla fine le proteine e quindi la carne.

In più, molta importanza hanno frutta e verdura, che si possono usare da soli come spuntino, oppure a inizio/fine pasto, soprattutto in estate. Nella dieta tradizionale, questi prodotti si presentano sulla tavola 5 volte al giorno.

La piramide si presenta quindi in questo modo:

  • Maggior parte: cereali, pasta, pane, patate e riso. Il tutto dovrebbe essere assunto in forma integrale
  • A seguire: frutta secca, frutta, legumi e vegetali
  • Un po’ meno: formaggi, yogurt e olio di oliva
  • Ancora meno: pesce, pollo, uova, dolci
  • Raramente: carni rosse

La dieta si arricchisce con attività fisica regolare.

Segui i nostri consigli su Salute e Benessere. Metti un Like 🙂

I benefici della dieta Mediterranea

Se ben usata, la dieta permette anche di dimagrire e di fare qualche strappo ogni tanto. Chi soffre di malattie molto gravi, come: l’obesità, l’eccessivo colesterolo cattivo, problemi cardiovascolari, problemi di pressione alta, osteoporosi e persino malattie degenerative gravissime; trova nella dieta il giusto equilibrio.

Studi scientifici hanno dimostrato che la dieta fa bene contro il diabete. In più, l’uso di pesce e di olio di pesce in particolare nella dieta fa sì che il colesterolo cattivo non si presenti con l’età.

In più, nella sua versione “reale”, la dieta elimina gli insaccati e le carni rosse, utilizzandole come “sfizio” solo ogni tanto.

Molte ricerche hanno dimostrato anche come chi utilizza la dieta Mediterranea esattamente com’è aumenta le proprie prospettive di vita.

Controindicazioni

Se in passato, la dieta era molto semplice da seguire, oggi le cose sono un po’ più difficili. La dieta prevede che ci sia un apporto di carboidrati molto importante, che vanno preparati.

Per esempio, chi pranza al lavoro può avere difficoltà a portarsi dietro un piatto di pasta e non può certo andare avanti a panini 5 giorni su 7 a pranzo. C’è anche chi soffre di particolari patologie, per cui non può seguire la dieta Mediterranea al 100%.

Infine, la dieta non tiene conto dei bisogni delle singole persone, ma si tratta di indicazioni generali. Chi fa sport ha bisogno di più calorie rispetto a chi è sedentario e chi non ama la carne compensa bene con verdura e frutta di stagione.

Consigli utili

La dieta Mediterranea è la base delle diete, con il giusto rapporto tra carboidrati, grassi e proteine. La dieta, però, va valutata caso per caso da un esperto. Affidarsi al fai da te non serve a nulla, se non a fare danni.

Segui la dieta Mediterranea per ottenere il giusto supporto di calorie per la tua giornata e cerca di preferire i cibi sani (verdura, frutta, cereali) a quelli nocivi (superalcolici, caffè, cibi confezionati, conservanti, coloranti, zuccheri, grassi saturi, ecc.).

Ricorda che la dieta include anche una regolare attività fisica!

Evoluzione Collettiva Copyright © 2017. Tutti i diritti riservati.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.